Breakfast in Italy (Pin Up Style)

[:it]Breakfast in Italy (PinUp Style)

La traccia è “Pinup” cameriera stile anni ’50, ma con uno stile più attuale.

Da questa è iniziato il mio studio per trovare una soluzione carina, ma allo stesso tempo divertente e dinamica.
Supertramp_-_Breakfast_in_AmericaL’ispirazione mi è arrivata dalla copertina del disco dei Supertramp Breakfast in America” del 1979 in cui una paffuta cameriera in posa da Lady Liberty serve un succo d’arancia con lo sfondo della Grande Mela in stile “bar”.

Perfetto! Ma a me serviva una piccola variante per renderla più divertente….

Con l’aiuto della bellisima Federica KillerQueen, scatto una serie di foto e seleziono questa tra tutte: Breakfast in Italy

A questo punto apporto alcune modifiche al volto e alla scollatura della camicia e inizio a lavorare su un foglio di carta Schoeller 50×70 cm.

Nella galleria fotografica alcuni passaggi della creazione.

E più giù guardate dove potete vederla “in giro” 😉

Ve vi piace, lasciate un vostro commento o domanda. Vi rispondo subito ;-)[:en]Breakfast in Italy (PinUp Style)The trace is  a “Pinup” waitress ’50s style, but with a more current.

Since this I started my study to find a nice solution, but at the same time more fun and dynamic.
Supertramp_-_Breakfast_in_AmericaI got inspiration from the Supertramp’s  album cover “Breakfast in America” of 1979 in which a plump waitress posing as Lady Liberty, who serves an orange juice with a backdrop of the Big Apple-style “bar”.

Perfect! But I needed a small change to make it more fun ….

With the help of wonderful Federica KillerQueen, I shot a series of photos and I selected this among all: Breakfast in Italy

 

At this point I supplied some changes to the face and the neckline of the shirt and started to work on a sheet of paper Schoeller 50 × 70 cm.

In the photo gallery there are some steps of the creation.

And more,  look down where you can see it “around”;-)

If you you like, leave your comment or question. I immediately reply ;-)[:]

Related Images:

Leave a comment