Tramonto 576x1024 1

Io, Giampiero Abate

Nato a Roma nel 1970. Il suo percorso artistico inizia dal 1990 circa, appassionandosi inizialmente all’illustrazione pubblicitaria.
Casualmente scopre l’aerografo come strumento pittorico e acquista un modello basilare per le prime sperimentazioni e per acquisirne la tecnica.
Comprende le potenzialità espressive e, pur non avendo una formazione artistica, comincia a realizzare I primi dipinti.
Nel 2015 è co-fondatore dell’associazione Arts in Rome, grazie alla quale entra in contatto con il mondo della pittura e del disegno e gli permette di conoscere ed approfondire le tecniche. Abbandona quindi il settore delle personalizzazioni per dedicarsi pienamente alla pittura.
Segue molti corsi di base e di approfondimento e apprende il disegno e la pittura figurativa anatomica da molti artisti italiani e stranieri.
Riprendendo l’iniziale passione per il dinamismo e la narrazione, approfondisce i temi della pittura classica (specialmente barocca) e contemporanea e applica le sue conoscenze informatiche e grafiche alla progettazione dei suoi dipinti.
L’utilizzo di software 3D gli permettono di creare le figure e le ambientazioni delle sue opere per sfociare nella sua prima mostra personale dedicata a questo metodo: Ultrareale.
Prima di arrivare a questo, la sua scelta figurativa gli ha permesso di partecipare a numerose mostre collettive, tra le quali:

 “Corrispondenze” a cura di Alessandra Redaelli – Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia Roma – 2019
“Cultura+Legalità=Libertà, l’arte contro le mafie”  –  Biblioteca Centrale Nazionale di Roma, Basilica S. Giovanni Maggiore a Napoli e Basilica Sant’Arcangelo Michele a Monte Sant’Angelo (FG) – 2012/2013
“L’Aquila non si muove” – Palazzo Ferdinando di Savoia di Roma – 2010
“L’ARTE NON E’ COSA NOSTRA” curata da Vittorio Sgarbi –  Evento di chiusura Biennale di Venezia – Padiglione Italia – Sala Nervi del Palazzo delle Esposizioni – Torino – 2011
M.A.C.RO. Testaccio “LA PELANDA” – Roma in occasione dell’evento Uni(ci)tà d’Italia – 2010
“AD MAIORA” – Palazzo Ferdinando di Savoia – Roma 2010

Molte i riconoscimenti in concorsi, tra i quali più recenti:
– Finalista al LXIII Premio Cascella 2019
– Finalista al Premio Marchionni & Rosso Passione 2019

Hanno scritto di lui della sua produzione artistica: Cecilia Paolini, Anna Maria Izzo, Alessandra Redaelli.
Le sue opere sono state pubblicate su importanti riviste di settore italiane e estere

Attualmente vive e lavora a Roma

Statement

L’aerografia è la mia tecnica.
L’acrilico è il mio colore.
La figurazione è la mia ricerca espressiva.
I grandi maestri del passato, principalmente il barocco, ma anche i moderni e i contemporanei, sono i miei riferimenti
I miei lavori sono intrisi di bellezza, di perfezione e di armonia; la mia è un’indagine intorno al bello e al nostro rapporto con esso.
La mia tecnica si basa sull’uso di software 3D per costruire figure e scenari, luci e ombre, per un approccio dinamico, ma anche fotografico. Le luci tagliate, le luci teatrali, la composizione cinematografica a più piani, le espressioni dei soggetti, sono alcuni degli elementi che caratterizzano il mio studio artistico.
La ricerca di nuovi pigmenti, nuove composizioni cromatiche vengono utilizzate per intensificare la storia.
Tutto questo è la mia pittura.

Giampiero Abate profilo 1

Curriculum Artistico

 

FORMAZIONE

Marissa Oosterlee (Ritratto ad aerografo)
Riccardo Mannelli (Disegno Figurativo)
Carlo Alberto Palumbo (Anatomia Artistica)
Amy Moseley (Alla Prima Painting)
Glenn Villpu (Dynamic Figure Drawing)
Vicente Romero Redondo (Pastello dal Vero)
Gonzalo Orquin (pittura dal vero)
Kike Meana (Pittura a Olio stile Velazquez)
Cuong Nguyen (Ritratto Pastello dal vero)
David Gray (Pittura, ritratto dal vero)